Forno d'ono 2016 lungo - Master Beta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Forno d'ono 2016 lungo

INFO

 


 
 

16 Giugno 2016


Masters Beta 2016 Forno d'Ono 12 Giugno
commento completo e Paddock & dintorni
organizzazione Motoclub Collebeato



E finalmente tornò il sole!

Forno d’Ono in provincia di Brescia ha ospitato per la quinta volta il Trofeo Masters Beta.

Dopo alcune edizioni caratterizzate dalla pioggia, i settanta piloti dopo un inizio giornata che nulla lasciava sperare sono stati graziati, con uno scroscio dalle 15.

Ottimo il lavoro svolto dal motoclub Collebeato capitanato dalla famiglia Cellati che, vede in Valerio e nei figli giuliano e Stefano i tre trascinatori.

Classica formula di gara con tre giri di gara e nove zone per le classi TR e FEMMINILE, una in meno (eliminata la nove indoor) per gli Juniores A-B e C, mentre cinque, in comune con gli altri iscritti per gli Juniores D e D1, in sella a mezzi a propulsione termica ed elettrica, prove disegnate lungo la valle attraversata dal Torrente Degnone.

Al via anche due piloti TR1, Francesco Cabrini e Luca Cotone impegnati nelle sezioni blu con passaggi rossi in alcune sezioni.

Ottima gara anche per un altro giovanissimo Michele Oberburger, che dopo il debutto all’Off Road Park di Pietramurata  ha dimostrato che la forza di volontà supera anche problemi come quelli dell’autismo.

Sfida a due nella TR1 con al via Luca Cotone e Francesco Cabrini.

Il portacolori del Team Motomania fin dal primo giro ha terminato con punteggi a singola cifra che, gli hanno permesso di prendere un vantaggio sul pilota del Trial Team Francesco Cabrini che, nell’ultima tornata è riuscito a chiudere con 2.

Ripartirà da una situazione di parità la sfida per il successo della TR2.
Tre protagonisti in questa stagione si sono divisi i successi delle prime quattro tappe.
Giuliano Cellati (Team Cellati), Andrea Soulier (Team Rabino) e Davide Coppi (Team Locca Miglio) si contenderanno il titolo con i primi due in testa (83 punti) ed il portacolori del gruppo piemontese ad una lunghezza.
Trionfatore della scorsa edizione, Sergio Piardi del Team Val Trompia Trial, ha iniziato fin dal primo giro a dominare con 5 appoggi, tallonato da Coppi a sei, doppia cifra invece per gli inseguitori.
Secondo passaggio con Piardi (7) meno incisivo ma comunque in linea con lo score di Cellati (5) che si insedia al secondo posto.
Scivola in terza posizione Coppi, con un secondo giro a 15 perde terreno da Giuliano.

Un successo che vale il titolo finale per Marco Pedrinazzi del Team 3D nella TR3.
Il pilota lombardo con 3, 4 e 0, vince agevolmente andando a precedere Marco Bosio del Team Rabino Sport e Luca Leonelli (Team Centro Italia Miton Trialshop), entrambi a 19 ma, con il piemontese che con 18 passaggi a zero contro i 15 dell’emiliano riesce a conquistare l’argento.
Se per Pedrinazzi il vantaggio accumulato gli dona quella tranquillità che permette di guidare i scioltezza, Bosio, Leonelli, Luca Poncia ed Andrea Panteghini (entrambi del Team 3D) ingaggiano una sana lotta per il secondo posto.
Al primo passaggio i due alfieri del 3D sono secondi a pari merito con 7, inseguiti da Bosio ad 11 e Leonelli a 12.
Nuovo rimescolamento nel secondo con Leonelli, Panteghini, Poncia e Bosio nell’ordine separati da due punti.
Al termine delle 27 zone in programma l’ordine di arrivo è Pedrinazzi, Bosio, Leonelli, Poncia e Panteghini.
Ad una giornata dal termine Pedrinazzi prepara la passerella di Rignano con 95 punti, Bosio è argento con 88 e Diego Marenghi del Motoclub Rio Lanza è terzo con 73.

Gara di nervi nella TR4 con Marco Quartagno (Team Motomania) e Valter Feltrinelli (Team Off Road Park), attenti a non commettere errori per guadagnare o recuperare punti sull’avversario.
In questa situazione come spesso accade “il terzo gode” e Maurizio Carlo Cresto, regala il successo al Motoclub Valli del Canavese con un solo appoggio alla esattamente a metà gara (zona 5 secondo giro).
Leader per due terzi di giornata, Giuliano Fobelli, presidente del Motoclub Domo ’70, a due cartellini con 0 errori fa seguire il 3 dell’ultimo che, lo fa scivolare fino al gradino più basso del podio.
Un grande regalo quello di Fobelli al compagno di club Marco Quartagno (Team Motomania) che, guadagna quattro importantissimi punti su Feltrinelli oggi quinto.
E’ lo scambio di posizioni con Fobelli che regala la matematica certezza del successo finale a Quartagno leader con 91 seguito da Feltrinelli a 70 che, anche scartando lo zero della prima prova è per forza relegato all’argento finale.
Cresto con la vittoria odierna sale al terzo posto a – 6 dal argento.

Matematica certezza del successo finale anche per Alessandro Bianchi del Team Rabino Sport nella TR4 UNDER 21.
Il piemontese alla zona otto del primo giro commette un errore che macchia con un pesante cinque il cartellino, un grosso regalo per lo scatenato Lorenzo Valentich.
Il giovane pilota ligure del Motoclub della Superba parte fin dal primo giro concentratissimo chiudendo a due, i 4 e 2 delle restanti tornate gli permettono di conquistare il primo successo nel Masters Beta.
Tredici punti nel primo giro estromettono Cristiano Lelli dalla lotta per il successo fin dal primo giro.
Il portacolori del Taro Trial deve così accontentarsi del bronzo di giornata.
Se Bianchi ha già fatto suo il titolo, l’argento se lo giocheranno Valentich e Lelli separati da un punto nella generale.

Poker per Sara Trentini nella FEMMINILE.
La pilotessa del Team Off Road Park con un solo appoggio alla zona 6 del primo giro avrebbe chiuso seconda nella Tr4 solo per la discriminante del tempo!
Ottimi score anche per Alex Brancati del Top Trial Team che, con 5, 4 e 3 sarebbe la terza classificata nella Tr4 Under 21!
Due ragazze Sara ed Alex che, dimostrano quanto il trial sia facile da praticare anche per il gentil sesso che, con tecnica, equilibrio e determinazione riescono a tener testa agli uomini.
Ad una giornata dalla fine Alex conduce con 88 seguita da Sara ad 80 ed Eleonora Marrè, assente a Forno d’Ono matematicamente bronzo di classe.

Secondo successo consecutivo per Massimo Sartoretti del Team Motomania nella TR5.
Vittoria sudata per il pilota piemontese che, trova nel compagno di Team Vittorio Rolandi l’avversario che fino all’ultima zona gli contende il successo.
Quattro punti per entrambi ma un passaggio a zero in più, permettono a Sartoretti di portare a +10 il vantaggio su Rolandi nella generale.
Trentini il cognome del terzo classificato, Umberto (Team Off Road Park), padre di Sara è terzo con 8 appoggi.
Come già indicato Sartoretti e Rolandi sono rispettivamente leader e inseguitore, terzo provvisorio è il portacolori del Domo'70 Bruno Palamara con 57 punti.

Già vincitore del trofeo della classe VINTAGE con due giornate d'anticipo,  Vincenzo Ciancia ritrova al via l'amico Euro Guermandi, compagno di club e d'allenamento.
Il modenese porta per la quarta volta consecutiva al successo la Beta 240, con 16 appoggi ed un cinque all'attivo per aver strappato la fettuccia nella quinta sezione del terzo giro, 49 lo score di Guermandi in sella alla Tr32.

Una zona in meno, disegnate insieme agli adulti (per evitare di transitare sulla strada asfaltata) per gli under 16.

Matteo Marenghi (Motoclub Rio Lanza) parte determinato per conquistare il secondo successo stagionale nella JUNIORES B, con 5 punti al primo giro crea un buon divario da Tommaso Laghi del Top Trial Team che, fatica ad entrare in gara sulle viscide sezioni bresciane terminando a 12.
Il lombardo migliora nel secondo passaggio chiudendo a 3 contro i 10 del toscano.
Ultima tornata con Marenghi a 4 e Laghi ad 8.
Ad una gara dal termine Marenghi conquista la tabella rossa seguito da Laghi a 10 punti, terzo è Andrea Gabutti (Team Rabino Sport), che in questa gara prende il via nel percorso contraddistinto dalle frecce verdi.

Giornata dall'inizio in salita per Simone Soulier leader della JUNIORES C che alla zona 4 scivola andando a chiudere a 10 al termine del primo giro
Ad approfittarne è Cristian Bassi del Team 3D con 7 seguito da Salvatore Scopelliti (Motoclub della Superba) con 9.
Tornata centrale con nuovo rimescolamento delle carte, Scopelliti sale in vetta alla classifica, Bassi scivola al secondo posto con Soulier sempre terzo.
Ma è alla zona 4 quattro del terzo giro che la gara cambia nuovamente leader.
Simone chiude ad 1 superando Cristian mentre Salvatore accusando un 5  perde la leadership.
La classifica vede quindi Soulier con 17 davanti a Bassi e terzo Scopelliti che deconcentrato dopo l'errore prima indicato, accusa un altro 5 che lo fanno scivolare in terza posizione.
Potrebbero andare nella stessa casa i trofei 2016 delle TR2 e JUNIORES C con Soulier leader con sette punti su Scopelliti e terzo posto ancora da decidere con Mattia Piana (Team Locca Miglio) e Andrea Sofia Rabino (Team Rabino Sport) separati da 2 punti (73 e 71).

Arriva a Forno d'Ono la matematica certezza del titolo 2016 classe JUNIORES D per Andrea Di Stasi, l'unico pilota che può vantare cinque successi in altrettanti appuntamenti.
Il portacolori del Rio Lanza, termina le quindici zone, previste per questa categoria, a zero seguito da Mattia Balbi del Team Cellati in sella ad una minitrial elettrica che, nel terzo giro vede Alex Zandonà (Motoclub Lessinia) recuperare ed affiancare il pilota bresciano.
Al portacolori del Team Cellati il minor tempo di gara impiegato regala il  secondo posto.
Sarà un podio interamente lombardo quello finale della JUNIORES D1 con Di Stasi oro e il secondo posto ed il terzo assicurati al Team Cellati che vede ora al secondo e terzo posto Nicola Corsini e Mattia Balbi, con quest'ultimo che scartando lo zero della prima prova supererà il compagno di squadra.

Ricca premiazione finale con l’estrazione di premi messi in palio dai supporter del Trofeo Masters Beta 2016  ed un arrivederci il 9 Ottobre  al Beta Day di Rignano sull'Arno, grande festa che presenterà come sempre  un programma intenso ed emozionante.

Di seguito trovate le curiosità del paddock & dintorni.



Foto e testo Christian Valeri



CLASSIFICA TR

CLASSIFICA JUNIORES


CLASSIFICHE DETTAGLIATE

TR

JUNIORES


CAMPIONATO TR

CAMPIONATO JUNIORES


GALLERIA FOTOGRAFICA

 
 

Paddock e dintorni

Villaggio Beta allestito in questa occasione presso l’oratorio Forno d’Ono che, ha messo a disposizione i locali e fornito il servizio ristoro.

 
 

Sempre pronto a seguire sul campo di gara i piloti Nicolò Funaioli, tecnico della Beta da diversi anni presente al Masters.

 
 

Foto di gruppo per i giudici di zona prima di raggiungere le zone.

 
 

Ben cinque le persone che hanno seguito il servizio sanitario a Forno d’Ono, non hanno lavorato e vorremmo fosse sempre così!

 
 

Presente e futuro del trial femminile, Sara Trentini e Andrea Sofia Rabino, entrambe scomode avversarie per i maschietti!

 
 

L’età non conta e Euro guermandi (SX) e Alberto Giacobazzi (Dx) prima della partenza hanno provato lo scivolo.

 
 

Zona 9 passaggio finale TR3, ecco in ordine dall’alto al basso (due per fila) : Diego Marenghi, Marco Bosio, Alberto Sivera, Andrea Gabutti, Mirco Bianchi, Maurizio Diemmi, Andrea Panteghini e Marco Pedrinazzi.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Zona 9 ultimo passaggio per i TR2 e TR1, in ordine di passaggio (due per fila) Stefano Fiorini, Francesco Cabrini, Luca Cotone, Sergio Piardi, Stefano Cellati, Marco Pignocco, Giuliano Cellati, Davide Coppi, Carlo Alberto Rabino e Andrea Soulier.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Tipico ritrovo di fine gara a tavola.

 
 

Bellissimo il podio con Sara Trentini ed Alex Brancati sul primo gradino, due ragazze che sanno bastonare i maschi!

Ci rivediamo al Beta Day di Rignano sull’Arno il 9 Ottobre ma continuate a seguirci, molte le novità per la festa finale!

 
 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu