CANERA lungo - Master Beta

Vai ai contenuti

Menu principale:

CANERA lungo

INFO

 


 
 

11 settembre 2013


Masters Beta 2013 Canera 8 Settembre
commento completo


Lungo viaggio fino a Rieti per i piloti del Masters Beta.

I fedelissimi del marchio di Rignano in una calda giornata di inizio settembre hanno affrontato la penultima prova del Masters che in questa occasione ha visto il gemellaggio con i piloti che partecipano al Trofeo Centro Sud.

Il motoclub Tre Valli per la prima volta in questa stagione ha scelto la formula dei due giri con inserite 12 prove, mentre per gli juniores si è optato per 6 prove e tre giri, con le prime due sezioni dedicate mentre le restanti in comune con gli over 16 (zone dalla 9 alla 12).

Le prove studiate per sposarsi al regolamento del masters, il quale permette di ottenere un bonus se affrontate con tecnica no stop, ha visto il 3 Valli disegnare sezioni scorrevoli con tre le tipologie di terreno, sottobosco, viscido greto di un torrente  e terreno secco friabile.

Dopo la festa di sabato sera con cena offerta dal Motoclub 3 Valli, domenica mattina gli iscritti al masters hanno goduto di un importante sconto sulla tassa d’iscrizione; soli 5 euro per gli juniores e 10 per i Tr.

Manca la tappa di Rignano sull’Arno ma alcuni Trofei sono già stati assegnati con una giornata d’anticipo, Samuele Zuccali (Tr2 Team 3D), Marco Pedrinazzi (Juniores A Team 3D) e Francesco Castagnola (Juniores B M.c della Superba) i primi campioni 2013.

Spettacolare e sempre alla ricerca del bonus, Samuele Zuccali (8 pen) riesce a vincere proprio grazie a questo, ben 16 sezioni superate con tecnica no stop gli permettono di imporsi su un determinatissimo Davide Zaccagnini del Top Trial Team, il quale colleziona 10 bonus ed un totale di 13 penalità.

Titolo come già anticipato a Zuccali unico tr2 in graduatoria.

Ritorna alla vittoria Marco Pignocco nella Tr3, il piemontese del Team Locca Miglio conclude a 3 con 9 bonus, riuscendo ad aggiungere altri tre punti in classifica generale sul diretto inseguitore Stefano Fiorini (M.c Taro Trial 5 pen e 9 bonus) il quale a Rignano partirà con 11 punti di ritardo, bronzo di giornata il campano Prisco Pezzella (M.c Santa Maria C.V) con 2 bonus e 13 punti.

Pignocco nella generale conduce con 74 punti, undici in più di Fiorini, mentre terzo troviamo Marco Bosio (Team BM Racing) che a Canera, grazie al provvidenziale intervento di Niccolò Funaioli tecnico beta (vedi paddock e dintorni) è riuscito a concludere la gara.

Pura formalità per Fabrizio Barre (- 15) nella Tr4, due giri a zero per il pilota dell’A.m.c Gentlemen con 15 bonus gli permettono di imporsi senza problemi, molto serrata invece la lotta per i restanti gradini del podio con Giovanni Adami ( - 11 pen e 22 bonus) del Team Locca Miglio che supera ai punti Mauro Girello ( - 9 pen e 21 bonus Team BM Racing).

Stessi protagonisti nella graduatoria di Trofeo, Barre a Rignano vanterà ben 18 punti di vantaggio con 20 disponibili, mentre Girello dovrà controllare Adami terzo a – 7.

Assente Sara Rivera (M.c della Superba) leader della femminile, la lotta per il gradino più alto del podio è stata serrata fra Eleonora Marrè del Trial Team Aveto e Valentina Peretti del Motoclub Gentlemen di Pinerolo, le due diverse condotte di gara con Eleonora più propensa allo stop mentre  Valentina incentrata su una guida dinamica, vedono a fine gara le centaure separate da 3 punti (57 a 60 con rispettivamente 6 e 11 bonus).

A Rignano la tabella rossa resterà sulla moto di Sara e solo un assenza potrà negare alla genovese la vittoria finale visto che Valentina è a 9 punti e Eleonora a 10.

Spronato dal tifo dei suoi concittadini, Filippo Colalelli (-21 e 24 bonus) riesce a concludere con il miglior punteggio nella Tr5, inoltre primo pilota in questa stagione riesce a superare tutte le sezioni con tecnica no stop;  Vittorio Rolandi (M.c Domo ’70) leader nel Masters nulla può contro lo scatenato centauro del Motoclub 3 Valli, per lui – 16 penalità grazie a 23 bonus, diciassette bonus e un totale di – 4 per il triestino Marino Fontanot (M.c Trieste).

Unico matematicamente in grado di battere Rolandi è Fontanot a diciassette punti, Colalelli è ormai fuori dai giochi per i gradini più ambiti del podio a seguito dell'assenza nella tappa di Torrebelvicino.  

Quattro gare non sono bastate a definire chi a Rignano sarà incoronato re della Vintage, Rino Sandrolini (M.c Taro Trial 46 pen 12 bonus) pareggia i conti con l’amico e compagno di club Euro Guermandi (61 penalità e 9 bonus), il 6 Ottobre chi consegnerà i migliori cartellini tornerà vincente.

Chi invece ha già il titolo in tasca è Marco Pedrinazzi (10 pen e 8 bonus), nuovamente vincitore nella Juniores A, impensierito da Emiliano Bisogno (11 pen e 10 bonus) del Top trial Team il portacolori del Team 3D è stato incoronato a Canera; argento nella provvisoria per Mirko Monticello del motoclub Rio Lanza.

Impegnato da qualche mese nell’enduro, Francesco Castagnola del motoclub della Superba (27 pen e 8 bonus,) per due terzi di gara fatica a prendere il ritmo lasciando campo libero a Francesco Marchetti, l’abruzzese fa sventolare la bandiera del Top Trial Team nella Juniores B.
Il secondo di giornata consegna il titolo a Castagnola.

Poker per Cristiano Lelli nella Juniores C, il giovanissimo del Motoclub Taro Trial termina a -1 con 14 bonus, relegando il diretto avversario nel Trofeo Matteo Marenghi (M.c Rio Lanza) sul secondo gradino del podio, dieci sezioni percorse no stop e 28 punti sono il totale del pilota lombardo.

Solo la matematica separa Cristiano dal titolo 2013, visto che ora conduce con 12 punti nella provvisoria.

Avvincente la sfida a due nella Juniores D tra Alex Brancati del Team BRT e il toscano del Top Trial Team Tommaso Laghi (40 pen e 5 bonus), la pilotessa Ligure ottiene il miglior punteggio in zona e il maggior numero di bonus (31 pen e 11 bonus) aggiungendo altri tre punti della generale, così a Rignano con sei punti di vantaggio dovrà semplicemente portare a termine la gara, senza doversi preoccupare del risultato finale.

Categoria con al via i più giovani, la Juniores E vede il bis di Salvatore Scopelliti (7 pen e 15 bonus) del Motoclub della Superba, il pilota genovese dopo un primo giro con un punteggio a doppia cifra nelle restanti tornate recupera e replica il successo di Gerola Alta, non è però lontano il leader di classifica Mattia Piana del Team Locca Miglio, il piemontese tiene testa al vincitore chiudendo a 17 con 10 bonus, bronzo di giornata la pilotessa del Trial Team Aveto Emanuela Spadoni 54 lo score della ligure con 8 bonus all’attivo.

Per ciò che concerne la provvisoria, ritroviamo i tre protagonisti di giornata con Mattia a 74 punti, Emanuela a 62 e Salvatore a 57.

Vi invitiamo tutti al Beta Day a Rignano sull’Arno (Fi) presso lo stabilimento Betamotor il 6 Ottobre.

 
 

Paddock e dintorni

Gradita iniziativa quella del Motoclub 3 Valli, per ringraziare i piloti presenti ha offerto la cena ai piloti mentre gli accompagnatori hanno cenato con solo 5 euro.

Una lunga tavolata con piloti, assistenti, accompagnatori ed organizzatori, il tutto in pieno spirito Masters Beta dove amicizia e divertimento rappresentano l’essenza del trofeo.

 
 

Importante presenza femminile anche in questa occasione, Emanuela Spadoni, Alex Brancati, Eleonora Marrè e Valentina Peretti hanno donato anche in questa tappa un tocco di femminilità.

 
 

Numeroso anche il gruppo degli Juniores, ben 11 al via di questa tappa.

 
 

Ritorno alla gare per Rino Sandrolini, il pilota emiliano nelle due gare precedenti era stato fortemente limitato dai dolori all’anca, il due luglio si è sottoposto ad un intervento per inserire una protesi, risalito in moto pochi giorni prima della gara è tornato alla vittoria, intervistato ha affermato “Ringrazio tutto il personale del reparto Ortopedia dell’ospedale civile di Vergato (Bologna) ed in particolar modo il mio amico dottor Fabio Forni, grazie a lui sono tornato in sella dopo 45 giorni e dopo 66 ho retto per 5 ore e 15 minuti in questa calda gara”.

 
 

Ne abbiamo già parlato nell’analisi della gara ma merita un appunto il miracolo che Niccolò Funaioli, Tecnico Beta ha operato sulla moto di Marco Bosio.

Il piemontese alla zona 3 ha rotto l’ingranaggio della messa in moto, purtroppo per lui i frammenti hanno danneggiato la trasmissione primaria e la campana frizione, spingendo la moto fino al paddock Niccolò in due ore ha smontato pulito e rimontato il tutto, con solo due ore e mezza a disposizione ha chiuso al quarto posto salendo così in terza posizione provvisoria nel Trofeo Masters Beta.

 
 

Il segreto per ottenere le immagini più belle del masters da inserire nei dvd?

Basta avere il giusto seguidores!

Franco Madiona videoreporter del Masters ha sempre al suo fianco la moglie Rosa.

Ci vediamo a Rignano!

CLASSIFICHE

ALBUM FOTOGRAFICO


Foto e testo Christian Valeri



 
 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu