BOARIO 2015 lungo - Master Beta

Vai ai contenuti

Menu principale:

BOARIO 2015 lungo

INFO

 


 
 

25 Marzo 2015


Masters Beta 2015 Boario Terme 22 Marzo
commento completo e Paddock & dintorni
organizzazione Motoclub Lazzate sez Trial Valcamonica



Due piccole ma importanti modifiche al regolamento del Masters Beta, hanno riscosso notevole successo nella prima tappa del Trofeo 2015 andato in scena a Boario Terme oggi.

L’apertura agli appassionati in possesso della tessera Member (di qualunque regione), unita ad una nuova formula d’iscrizione con un lasso di tempo maggiore per iscriversi e la possibilità di partire dalle 9:30 alle 12, si è rivelata una scelta vincente.

Scongiurato il pericolo pioggia (un solo piccolo scroscio nella notte di sabato), ha contribuito a far divertire i partecipanti, sulle otto prove disegnate nell’area trial del Castellino, dai soci del Motoclub Lazzate sezione Trial Valle Camonica.

Il breve trasferimento di poco più di un km di sviluppo, ha poi permesso di seguire agevolmente i passaggi dei piloti da parte del pubblico.

Presente alla gara anche Donato Miglio il quale, oltre al ruolo di uomo beta ed osservatore dei piloti impegnati anche in gare tricolori ed internazionali, ha voluto provare alcune sezioni.

Nonostante abbia dichiarato di essere un po’ arrugginito, il campione di Arona ha superato le prime tre sezioni nel percorso blu (il più impegnativo) a zero e con tecnica no stop.

Passiamo ora all'analisi della gara.

Unico Tr1 al via della Manche inaugurale del Masters Beta 2015, Giacomo Saleri ha terminato a zero tutte le sezioni, chiudendone 21 senza fermarsi.


Sergio Piardi del VT Trial Team è il primo vincitore della stagione nella Tr2, il quindicenne lombardo termina con 9 penalità e 20 bonus che gli permettono di salire sul gradino più alto del podio.
Giro record per Davide Coppi capace di chiudere la tornata conclusiva a zero, il portacolori del Team Locca Miglio posa in totale 13 piedi collezionando 9 bonus.
Terza posizione per Andrea Riva (18 pen.) del  Motoclub Dynamic Trial, l'ex iridato bike trial, in poco meno di due stagioni è già salito nella Tr2, per lui una gara allenamento in vista degli impegni internazionali che prevedono la formula no stop.


Bellissima sfida a due per la vittoria nella Tr3.
Marco Bosio (Mc Gentlemens) per due terzi di gara conduce su Fabio Clerico (Team Locca Miglio), entrambi dimostrano di gradire la formula del bonus ed infatti a fine giornata segnano rispettivamente 22 e 24 passaggi (su 24 sezioni) no stop.
Bosio prima dell'ultimo giro conduce con 2 punti contro i 4 dell'avversario ma, consegnando un cartellino con sette penalità, non riesce a contrastare la reazione di Clerico che con un tre finale supera il torinese.
Terzo posto per Maurizio Diemmi (Am Crociati Parma -2 pen e 18 Bonus), campione con quasi trent'anni di gare all'attivo, sempre pronto a dare la zampata vincente.


Un vero rullo compressore Roberto Prina (-23pen.) nella Tr4, il pilota dell'Amc Gentlemen riesce a terminare tutte le sezioni con tecnica no stop, posando solo alla quinta zona del secondo giro un piede.
A contendersi i rimanenti gradini del podio sono stati Mauro Girello (Motoclub Val Varaita) e Daniele Semeraro (Motoclub La Stalla), capaci di terminare con una sola penalità di differenza in zona e un bonus in più (22 a 21) per Girello , totale quindi di   – 9 per il piemontese -7 per Semeraro.


Riprende l'avvincente lotta per la corona di regina della Femminile (percorso della Tr4) tra Sara Rivera ed Eleonora Marrè, entrambe del Motoclub Della Superba.
Eleonora in testa dopo il primo passaggio è tallonata da Sara ad una lunghezza, scambio di posizioni alla consegna del cartellino con proseguo della gara con punteggi simili.
Al termine della giornata Rivera vincitrice con 14 bonus e 21 punti davanti a Marrè (13 bonus e 24 pen.).
Al secondo anno di gara Micol Bettinotti (57 pen. E 8 bonus) completa il podio femminile composto interamente da pilotesse del Motoclub della Superba.


Deciso a conquistare il terzo Masters Beta consecutivo nella Tr5 Vittorio Rolandi.
Il piemontese del Motoclub Stresa è l'unico a terminare tutte le 24 sezioni senza fermarsi e concedendosi solo tre appoggi termina a -21.
Se nella Femminile il podio è stato interamente occupato da ragazze liguri, la Tr5 vede il Piemonte protagonista.
Daniele Venturelli del Motoclub Alta Val Formazza è argento con 13 penalità dopo aver scalato 19 passaggi no stop, 16 passaggi dinamici per Antonio Orbaniello (Motoclub Giaveno 18 pen.).


Nuovi arrivi nella Vintage, con le Beta d'epoca protagoniste.
Sei i piloti al via con un accesa lotta tra Franco Pesce (Mc della Superba 21 bonus) e Marino Fontanot (Mc Trieste 22 bonus), partenza a razzo per il primo che interpone tra se e l'avversario qualche punto; questo fino al terzo passaggio dove Pesce suda freddo chiudendo a dieci, Fontanot consegna il cartellino finale con sole tre penalità ottenendo il miglior score giornaliero ma, per due punti si deve accontentare dell'argento.
Compagno d'allenamento di Pesce, Valerio Battistini (Mc della Superba) dopo una prima tornata che lo vede quinto, risale la classifica fino al terzo posto terminando a 22 penalità (16 bonus).
 

Il percorso chiuso al traffico ha permesso di far affrontare agli Juniores cinque delle otto sezioni degli over 16.

Passati nella Tr2 per fare esperienza, gli Juniores A Sergio Piardi e il portacolori del Team 3D Marco Pedrinazzi hanno ottenuto importanti risultati (vittoria e quarta piazza rispettivamente).

Percorso in comune con i Tr4 (frecce gialle) per gli Juniores B che, hanno festeggiato la vittoria di Cristiano Lelli (Mc Taro Trial 4 pen. 10 bonus) concentratosi più sull’esecuzione della zona che nella ricerca del bonus.
Recordman dei passaggi dinamici è stato Luca Poncia del Team 3D il quale ha raccolto 12 bonus terminando a 9.
Bronzo per Matteo Savoldelli portacolori del Motoclub Lazzate, che completa il podio con 6 bonus e 27 punti.


Tommaso Laghi è il primo vincitore della Juniores C, il toscano del Team Centro Italia riesce ad ottenere sia il miglior punteggio in zona che a raccogliere il maggior numero di bonus, (-2 e 13 bonus).
Matteo Marenghi (12 pen.) del Motoclub Rio Lanza dimostra di gradire la tecnica no stop andando ad ottenere 11 bonus e riuscendo ad interporre tra se e Salvatore Scopelliti (Motoclub della Superba 31pt. 7 bonus), un buon numero di punti.


Mascotte del Trofeo Masters Beta 2015, Simone Lissa (Team Locca Miglio) nonostante qualche noia al mezzo meccanico, riesce ad ottenere ben 13 bonus e chiude con solo 8 penalità nella juniores D.




Foto e testo Christian Valeri


CLASSIFICHE

 
 

Paddock e dintorni

Ottima la location dell’Hotel Castellino dove, nel piazzale antistante è stata allestita la pedana di partenza, inoltre la possibilità di raggiungere le zone in meno di trenta secondi ha permesso anche ai più pigri di seguire praticamente metà manifestazione.

 
 

Debutto per la nuova livrea della pedana di partenza, a dominare il logo celebrativo della venticinquesima edizione.

 
 

Novità regolamentare particolarmente gradita è stata quella della possibilità di iscriversi dalle 8:30 fino alle 11:45, ciò ha permesso di evitare code al tavolo d’iscrizione ed anche i piloti giunti la domenica mattina, hanno potuto raggiungere Boario risparmiandosi levatacce.

 
 

Novità 2015 quella delle estrazioni di premi messi a disposizione dai supporter del Trofeo, in questa occasione, filtri aria Beta, Manopole OJC, Trolley e borse OMP, pasta VALLE SCRIVIA.

 
 

Debutto per il corner espositivo dove sono stati presentati i pacchetti gara 2015, riservati a chi si iscrive al Trofeo.

 
 

Ad aprire il Masters Beta 2015 è stato Angelo Panteghini, patron di Cecam, schieratosi al via della Tr5.
Alle 9:30 è salito sulla pedana di partenza seguito da Mirko Pedretti, giovanissimo che da pochi mesi ha iniziato a muovere i primi passi nel trial, in gara per la prima volta a Boario.

 
 

Una scivolata alla seconda zona è costata la lussazione del pollice della mano destra, ad Angelo Panteghini, nonostante il dolore tutto ha concluso la gara.

 
 

Presente come da tradizione l’assistenza Beta curata da Fabio Albertini, tecnico del Team Factory che segue i mezzi impegnati nel torneo iridato.

 
 

Mentre i primi piloti si preparavano a prendere il via, Roberto Prina e Marco Bosio iniziavano a prepararsi per la gara, sfruttando la possibilità prendere il via fino alle 12.  

 
 

Presente Donato Miglio, a fine giornata ha dichiarato:

“Oggi mi sono messo per qualche minuto in discussione provando alcune zone.

Rimettermi in gioco dopo quindici anni è stata una sfida contro me stesso, ho il fiato un po’ più corto (vedendolo in zona non si direbbe ndr).

Il mio ruolo principale in beta è quello di seguire l’attività sportiva, ci tenevo a vedere questa prima prova del Masters Beta in quanto, riteniamo il monomarca molto importante per la promozione del prodotto.

Le due novità principali introdotte da quest’anno che permettono ai possessori di tessere member di partecipare, unito alla possibilità di prendere il via fino alle 12 rappresentano due soluzioni fantastiche.

Per fare un esempio stamattina alle nove e mezza sono partito da casa, in un ora e mezza sono arrivato a Boario e sarei potuto partire tranquillamente entro le 12.

Le zone mi sono piaciute sia come terreno che a livello di tracciatura, ottima la logistica."


 
 

Assente lo scorso anno, Marino Fontanot è tornato al Masters schierandosi al via della Vintage.
Il triestino ad ogni prova macina moltissimi chilometri e per un soffio ha mancato l’appuntamento con la vittoria.

 
 

New entry nel Masters Claudia Pifferi ha affrontato le zone Tr5.

 
 

Prosegue la stirpe dei Diemmi, Davide nipote di Maurizio ha corso nella Tr4 terminando undicesimo.

 
 

Scoperto il doping di Robertino Bassi, una bustina di miele per reintegrare le energie perdute.

 
 

Pantaloni personalizzati per Andrea Panteghini, presidente del Team 3D, Mad Bros ha preparato ad insaputa del bresciano un paio con una scritta particolare sulla parte posteriore.

 
 

Special la moto utilizzata da Donato Miglio, differenti dischi freno, coperchio frizione con distanziale per ospitare un maggior numero di dischi, molla ammortizzatore posteriore, alcuni dei particolari di questa moto laboratorio.

 
 

Viti in titanio per Mauro Girello, con anodizzazione viola.

Ci vediamo a Mezzana Mortigliengo il 3 Maggio ma.... CONTINUATE A SEGUIRCI LE NOVITA' NON FINISCONO QUI!!!!

 
 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu