2019 PRO PARK - Master Beta

Vai ai contenuti

Menu principale:

2019 PRO PARK

INFO > INFO GARE

 


 
 

12 Maggio 2019


Al Pro Park di Genova il 23 Giugno la quarta prova del Masters Beta
Informazioni, alberghi e curiosità


L'occasione per laurearsi campione con una giornata d'anticipo o quella per recuperare e ribaltare la classifica.

Per un ristretto gruppo di piloti, la quarta tappa del Trial Master Beta che andrà in scena il prossimo 23 giugno al Pro Park di Genova, sarà un occasione d'oro.

Infatti se in alcune  categorie il vincitore ha colto tre successi consecutivi mentre in altre regna l'incertezza ed è probabile che tutto si risolverà nella tappa conclusiva.

Sulle colline che circondano il capoluogo ligure i piloti affronteranno zone in parte inedite con partenza ed arrivo presso la struttura dove, si svolgeranno le operazioni preliminari e sarà possibile rifocillarsi con il servizio bar e ristoro.

Un’occasione unica vista anche la stagione, per unire qualche giorno di vacanza al mare ad un weekend di trial.

Sabato 22 Giugno, al Pro Park di Genova sarà organizzata una serata per raccogliere fondi a favore dell'Angsa Liguria (Onlus di Genova a sostegno ai genitori che hanno soggetti autistici in famiglia) con una lotteria per estrarre dei bellissimi premi messi in palio da sponsor ed amici.

Durante la serata sarà presente anche Michele Oberburger, trialista affetto da autismo che, nella moto ha trovato il suo sport.

Come sempre la Domenica il via avverrà alle 9:30, mentre il termine per tutti (indipendentemente dall’orario di partenza), è fissato alle ore 16 con premiazioni a seguire poco dopo.

Continuerà il servizio noleggio moto che potrà essere prenotata attraverso il modulo on line (LINK), senza doversi preoccupare dell’iscrizione e della benzina per affrontare la gara.

Basterà inviare la richiesta di noleggio entro 4 giorni dalla gara e con solo 100 euro, si potrà correre con l’amico o semplicemente togliersi quella voglia di correre in una gara del Masters.

Come da alcuni anni a questa parte anche i possessori di tessera member (iscrizione al motoclub) potranno partecipare senza pero rientrare in classifica, identico discorso anche per i giovanissimi che si cimenteranno su percorsi semplificati.


Vi aspettiamo!!!!!!

Iscriviti on line alla gara del MASTERS BETA

Iscriviti on line al TROFEO MASTERS BETA 2019

 
 


Come raggiungere il Pro Park di Ceranesi

Località Scarpino Vecchio  Ceranesi (Genova)


Provenendo da Milano, Torino e da nord


Autostrada A7 Uscita Genova Bolzaneto

Seguire indicazioni per Pontedecimo Campomorone per circa 400 metri

Troverete le indicazioni per Santuario Ns della Guardia (rampa in salita a destra)

Seguire le indicazioni per il santuario fino in cima dove troverete a sinistra le indicazioni per Ceranesi

Al successivo incrocio a sinistra

Provenendo da Genova, Toscana e dal centro sud

Uscita Autostradale A 10 Genova Aeroporto

Prendi Via Borzoli e Via Militare di Borzoli in direzione di Via Vaccarezza a Ceranesi




Calcola il tuo percorso


Info ed iscrizioni :

Motoclub la Guardia A.S.D.

Piazza Santuario Guardia
16014 Ceranesi (Ge)

Telefono: (+39) 3356049760

motoclublaguardia@gmail.com



Previsioni Meteo Pro Park Ceranesi


RICETTIVITA' PRO PARK

Convenzione per Masters Beta

Ristorante San Giorgio/albergo Casa del Pellegrino
(2 km dal Pro Park)
c/oSantuario della Guardia
Cena, pernotto e colazione: 40€
Pernotto 20€;
Pernotto sempre in albergo ma portandosi il sacco a pelo 15 €.
Info e prenotazioni sig. Edison 3460284170
Info per gara 3473846622


VAI AL SITO


Info line 348 76 26 771


 
 

Cenni storici ed altre informazioni

IL SITO DEL COMUNE DI CERANESI


In epoca romana Ceranesi apparteneva per la gran parte al territorio dei Liguri – Mentovini, confinanti con i Viturii – Langensi, committenti della Tavola Bronzea di Polcevera. L’area era attraversata da due tratte commerciali, che si ricollegavano alla Via Postumia.


Ceranesi e il Medioevo
Nel Medioevo Ceranesi divenne a tutti gli effetti parte dell’agro genovese con la sua costituzione in Pieve, primo nucleo dell’odierno Comune, anche se le varie frazioni godevano di un’autonomia gestionale e decisionale non indifferente.


Ceranesi nel Settecento
Nel Settecento, all’epoca della redazione dei primi Catasti ad opera della Repubblica di Genova, abbiamo menzione di diversi sindaci eletti dalle varie località in loro rappresentanza. Esse coincidevano, in sostanza, con le Parrocchie componenti, definite, nel 1798, come municipalità.
Nel 1798 la Repubblica Democratica Ligure fece di Ceranesi uno dei 156 cantoni comunali liguri, che si estendeva sino a comprendere San Carlo di Cese e le Capanne di Marcarolo. Abolito nel 1803 per essere smembrato e sottoposto alla direzione di Rivarolo, il Comune fu ricostituito nel 1814 e con la stessa estensione precedente.


Ceranesi nell’Ottocento
Nel corso dell’Ottocento vennero sottratte le Capanne di Marcarolo e San Carlo di Cese, insieme ad altre piccole porzioni di territorio. Nel 1926 il Comune riuscì ad evitare di essere inserito nella cosiddetta “Grande Genova”, mantenendo la propria autonomia amministrativa.
L’antico passato di Ceranesi è testimoniato dalla Chiesa di San Martino di Paravanico, una delle più antiche, di cui si ha menzione già nel Marzo del 1088, dal Palazzo di Giustizia, il “Paxo”, di Torbi, che affonda le proprie radici al XII secolo, dal tempio pievano di Santa Maria Assunta di Ceranesi, risalente al XIII secolo.


Le altre testimonianze storiche ed artistiche del Comune sono per lo più legate alla vita ed alla devozione della sua popolazione rurale : la Chiesa di San Bartolomeo di Livellato, attestata al 1159, quella di Torbi, già esistente nel 1232, la Ca’ de Rossi di San Martino di Paravanico (XIII secolo), la prigione alla Gaiazza.


Da sempre gli abitanti hanno lottato con amore e dedizione per la salvaguardia di un territorio, spesso ingrato e difficile, da cui poter ricavare sostentamento. Insieme a questa cultura lavorativa, s’è sviluppato un senso di solidarietà, primo germe della democrazia. Con gli anni questi sentimenti si sono fatti più maturi e consapevoli, esempi siano lo sviluppo economico della comunità ed i contributi alla Prima ed alla Seconda Guerra Mondiale, oltreché alla lotta di resistenza e liberazione dagli eserciti nazi – fascisti.


Ceranesi e il Santuario della Madonna della Guardia
Essenziale ed indicativa è stata la presenza del Santuario della Madonna della Guardia, apparsa sul Monte Figogna il 29 Agosto 1490. Da luogo rappresentativo della devozione religiosa e delle tradizioni popolari di Ceranesi e dell’intera Val Polcevera, il tempio è diventato, grazie al secolare apporto di forze, risorse e contributi specie degli abitanti del Comune, punto di incontro e di preghiera di rilevanza non solo regionale e nazionale, bensì internazionale.
In un simile contesto geografico, storico e popolare, l’attuale Statuto intende essere uno strumento capace di assicurare l’integrità territoriale, l’esistenza e l’autonomia del Comune, affermandone, insieme, la continuità storica e garantendo i valori di cui è portatrice l’intera comunità.

 
 


 
Torna ai contenuti | Torna al menu